Core e mamma soja

20140512-152814.jpg

Di Pino Rispo d.r.

Cara mamma….
nunn’ ‘o ssaccio si me siente
tu ire na mamma troppa bella
me manchi assaje

M’haje ‘mparato tutto cosa
pure a campá ccá dint’a ‘sta terra
m’haje ‘mparato ammore e sentimente
Me manche e te voglio bbene assaje cchiú ‘e ‘sta vita

Vurria ‘sta vicino a te dint’ ‘a ‘stu mumento
ma i’ ‘o ssaccio, ca me guardi ‘a coppo ‘e nnuvole
nce staje abbraccianno a tutte quante
mammá grazie pe’ chello ca me ‘mparato…

Tu dicive sempe ‘o figlio mio é nu pueta”
ma ‘a gente nun te credeva
mò invece accussì diceno tutte quante
quanto te voglio bene stanotte vurria ‘sta cu te…

Vieneme ‘nzuonno
i’ te vurria ccà vicino a mme
sì, i’ te vurria astregnere dint’ ‘a ‘sti braccia
n’ata vota, ancora pe’ na vota

Nce purtaste ‘a America
dint’ ‘a ‘sta terra luntana
quanta fatica e quanta sacrifici
nun mangiave pe’ ncio da’ a nnuje

Ogge è ‘a festa toja e io…
io vurria mangiá nzieme a te n’ata vota
vurria turná a Napule, turná guaglione
scugnizzo nata vota

Quanno me guardave e me diceve
“Quante é bello ‘o figlio mio”
e cu ll’uocchie nfuse me dicive
“viene ccá core e mamma soja”

Mammá ogge ‘o ssaccio
pecché stammo ccá, aggio liggiuto ‘a storia
Ogge ca songo Brigante
saccio ca é tutta colpa e ‘st’ unità!!!

20140512-153036.jpg

Advertisements

Frate ‘e nisciuno

20140508-220415.jpg

Questa poesia é dedicata a un fratello
Napoletano Ciro Esposito

Di Pino Rispo d.r.

Simmo figli d’ ‘o Vesuvio
‘e nuje se ne parla pe’ tutt’ ‘o munno
‘a ccá jescenne sulo parole d’ammore
orgoglio e disonore

Pe’ tanti simmo ‘o paese d’ ‘o mmale
invocane ‘o Vesuvio
ma ‘a muntagna se sta’ calma ‘nmiez’ ‘o mare
ca nce guarda e nce prutegge ancora

Nuje simmo ‘e frate ‘e nisciuno
ce vonno sulo quanne joca ‘a nazionale
in quel caso nun simmo cchiú terroni
in quel caso simmo ‘taliani?

Simmo figli d’ ‘o vesuvio
appartennimo a chesta terra, a chist’orgoglio
nuje simmo figli ‘e nu Regno ca oramaie cunoscie ‘a storia

Pe’ tutta Napule sventuleiano
‘e bannere d’ ‘a gloria
via Roma è turnata a se chiammà Tuledo
piazza pebliscito turnarrá largo ‘e palazzo

P’ ‘e fint’eroie ‘ncoppo ‘e pierestalle ‘e ‘sti piazze
nun ncé sarrá cchiú posto!
Simmo figli ‘e ll’eruzione
chisá forse pe’ chesto nce chiammano terroni?

Nuje però, dint’ ‘o mmale e dint’ ‘o bbene
tirammo pe’ campà e stammo sempe bbuone
simmo ‘e figlie d’ ‘o vesuvio
tutte nce guardano e tutte nce senteno

Passano ll’anne e nisciuno sape niente
‘e figlie d’ ‘o vesuvio se stanno aunenno
so’ quasi pronti pe’ ‘sta guerra
‘nmiez’ ‘o golfo una ‘e chesti ssere
se sentarrá ‘a luntano na granda voce
‘A voce ‘e na sirena!!!