Fino a’ llurdemo rispiro

Di Pino Rispo D.R.

Si’ sempe tu ca me viene nzuonno
si sempe tu ca pe’ bene e pe’ mmale
se ne parla pe’ tutto ‘o munno
si’ sempe tu…

Si’ sempe tu ca me cammini dint’ ‘a mente
na passione ca m’abbruscia ‘o core
e lassa ‘e penziere chin’ ‘e sentimente
Si’ sempe tu…

Te voglio bene assaje si pure staje luntane
pecché si na mamma doce
e pure ‘e figli tuoje luntane
le parli e le daje luce

Tu si’ storia e antica civilitá
si’ l’ammore e si’ ‘a mmiria
i’ tanto songo fiero
d’essere nato ccá

Songo pronto a diffennere
l’onore ‘e ‘sta cittá
pronto pure a perdere ‘a vita
Fino a ll’urdemo rispiro contro a Giuda

Napule mia ogge ‘e te
se ne parla assaje
‘e briganti se stanno aunenno
sta ascenn’ ‘a verità

Oramaie ‘a storia nun se po cchiù annasconnere,
‘sta granda buscia chiammata Risorgimento
mò ‘a storia overa ‘a scrivi tu
Napule mia, Capitale, ‘e ‘stu REGNO!!

IMG_7940-0.JPG

IMG_7894.JPG

CAINO!

Di Pino Rispo
E Salvatore Mazzella D.R

Tu Savoia, veniste ‘a terra nosta
parlavi Francese e nnuje, ‘a casa nosta parlavamo napulitano
dicive ca nce vulive liberá? Ma d”a chi?
Ogge si’ addeventato Stato ‘taliano!

Pe’ te nuje simmo sempe quistione, quistione meridionale
simmo ‘e nepute ‘e chilli ca tu p’annasconnere
‘stu martirio chiammasti briganti!
Ogge nuje sapimmo ca era na buscia pe’ ll’accidere!

Ogge sapimmo ca ncé levate ‘o ppane a’ vocca!
Ca ce abbrusciaste, arrubbaste e violentaste
e accedennoce nfaccio ‘e mmura senza avè pietà
pure femmene e ccriature faciste fucilà

Nce levaste tutto cosa, te purtaste tutto cosa
fabbriche, statue, quadri e tesori in quantità
levannoce pure ‘a seggia ‘a sotto ‘o culo
Nce fatto pe’ fforza popolo emigrante

‘A terra mia era ricca, sulo pe’ chesto veniste ccá
‘e bbanche ‘e Napule e Palermo svacantaste
pe’ te pavá ‘e diebbite francise
Ato che libertá, tu ce vuliste mbruglià!

‘E ‘stu grande Regno niente è rimasto
I’nun capisco ‘o ssaje fraté?
Tutt’ ‘e prumesse ca facisti e po’?
Tu nun m’haje dato maje niente?

Dint’ a chillo luntano sissantune
tu addiventaste ricco, eroe e liberatore!
Nuje africani, mariouoli e briganti!
Quaccheccosa nun me torna!

Mentre nuje cu grande onore
murevemo p’ ‘a Patria nosta
Sotto ‘e colpi ‘e fucile e d’ ‘e bajunette toje
chiammannoce fratelli addeventaste ‘o boia!

Acciriste viecchie, femmene e criature
Semmenanno morte, gnuranza e miseria…
quasi me scurdavo… tu dint’a terra mia pe’ quinnece anne
nchiuriste ‘e scole, chesta si ca é llibertá!

Nce faciste culonia, zucanno ‘o sango d’ ‘a gente
tasse e fatica ca nce spaccava ‘e rine
ma ricuordate fratè, ‘a memoria mia nun mente
nu juorno nun luntano pavarraje Caino!

IMG_7891.JPG

IMG_0047.JPG

Surdate ‘e na guerra

Di Pino Rispo e Salvatore Mazzella d,r.

‘O tiempo chiamma
‘quantu tiempo é passato?
Na storia annascunuta, na storia canaglia
‘o Rré chiamma, giustizia isso vo’

Giustizia p’ ‘e figli muorte a Fenestrelle
figli scurdate e senza ‘na croce
senza nomme ma cu tanto onore
‘sti surdate pe’ ‘sta guerra chiudevano ll’uocchie

‘Na storia nfamante cammina dint’ ‘a mente
na storia busciarda ‘stu Risorgimento
so’ venute cu ‘a scusa e nce liberá
st’infami e mariuoli mo’ so’ monumento

‘St’assasini no, nun so’ eroi
hanno acciso ‘stu populo ma qua’ libertá
dint’ ‘a’sta storia nun c’è verità
‘o martirio ‘e ‘stu populo è ‘sta finta unitá

Chesta Italia oramai é fernuta
‘o tiempo è passato e Dio nun c’aiuta
Ce vulesse na guerra pe’ ‘sta verità
‘o Stato ll’archivio avessa arapì

‘A patria nosta facesse turná
proprio commo ‘a ‘sti suonne
ca cu passione ogni notte
me vaco a sunnà

Fra poco sarranno suonne ‘e libertá
na musica doce me scetarrà
dint’ ‘a chist’uocchie se spicchiarrà
pace, ammore e dignità,
chesta è ‘a rialtà!

20140801-222938-80978897.jpg